Dreams 3.


Mi trovo  in un grande stanzone, abilmente adibito a teatro, e stò aspettando la mia compagna d’università, Irene, per vedere uno spettacolo insieme.

Arrivo per prima prima, così mi metto in fila per fare i biglietti.

Dico alla cassiera, comodamente spaparanzata dietro lo sportello, che mi servono due biglietti con riduzione studenti, ma lei, evidentemente distratta, dopo aver elaborato la stampa, me ne passa uno giustamente ridotto (25€) e uno intero (41€). Protesto un pò, spiegandole che deve aver capito male, io gliene avevo chiesti due, e due doveva darmene. Lei cerca di rigirare la cosa, sentenziando che sono io a non essermi spiegata bene.  -.-‘

Arriva Irene, ma non voglio metterla in diffcoltà dicendole dell’errore appena avvenuto, così le dò il biglietto che costa meno, per non farle pagare  l’errore della bigliettaia, o, dall’altra campana, il mio errore.

Lo spettacolo stà per iniziare, quindi ci avviamo per prendere posto, girovagando tra le varie sedie e panche di legno. Non capiamo esattamente da che verso o che lato dobbiamo sederci dal momento che sul palco ci sono già degli attori ma, alle nostre spalle, oltre la fila di spalti, stanno già suonando alcuni musicisti. Ci sediamo in un punto che ci sembra abbastanza comodo a seguire l’una o l’altra esibizione, commentando l’organizzazione e i presenti in sala ridacchiando un pò, as usual.

Dopodichè Lui mi tira una gomitata (involontaria) nel letto ed io mi sveglio! 🙂

 

Annunci

One thought on “Dreams 3.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...